Case History Wine Hotel: 4 domande a Luca e Simona di Hotel Estense

Unica Proposta di Valore basata sull'abbinamento tra buon vino e profumo di mare

Hotel Estense a Igea Marina nasce dall’amore per il territorio di Simona e Luca che dopo anni  passati nell’ospitalità, nell’hotel di famiglia di Simona, decidono di creare una realtà tutta loro. La particolarità risiede proprio nel loro voler esaltare la Romagna e i suoi prodotti proponendo un binomio perfetto tra il buon bere e una vacanza al mare.

All’Hotel Estense potrai trovare una selezione dei migliori vini locali, ogni giorno diversi, da cui deriva il nome “enoteca itinerante”.
Direttamente dalle migliori cantine romagnole per un vero e proprio viaggio nel gusto, selezionato personalmente da Simona e Luca, entrambi Sommelier e soci Ais (Associazione Italiana Sommelier). Accompagnata  da quei sapori tipici e veri che caratterizzano la Romagna, l’enoteca itinerante è aperta a tutti, anche a coloro che non soggiornano all’hotel.

In Retorica Comunicazione abbiamo raccolto con grande entusiasmo la bella sfida di Simone e Luca ed oggi ho approfittato per far loro alcune domande sulla loro idea ed unica Proposta di Valore.

Hotel Estense è la vostra sfida che ha la passione per il vino come volano. Raccontateci un po’ come nasce la vostra idea e quali obiettivi si pone.

E’ vero, abbiamo sempre avuto la passione per il vino ma, ad essere sinceri, nasce con il piacere della tavola. Crediamo che l’esperienza culinaria deve essere completa, il vino esalta il piacere di tutti i piatti (se sapientemente abbinati).
L’idea nasce per cercare di raccontare un territorio con gli occhi di chi ci abita. Da piccoli, i nostri nonni producevano vino per uso personale (dai, tutti abbiamo avuto un nonno o un’amico che produce vino).

Le cantine vinicole sono cresciute allo stesso ritmo del nostro territorio ed abbiamo molto in comune: parliamo di rispetto per l’ambiente, rispetto per il modo di lavorare,  affrontare le fatiche personalmente, mettendosi in gioco sempre in prima persona.
L’obiettivo è di farci forza insieme. La qualità dei prodotti che offriamo come hotel è la stessa che proponiamo nella nostra carta delle bevande. Vini ottenuti da coltivazioni biologiche e biodinamiche, senza solfiti aggiunti; solo con tanta attenzione al prodotto puoi ricavare ottimi risultati.

La struttura si trova a pochi passi dal mare e nel cuore di una dinamica turistica abbastanza classica (mare – camera – mare – camera – passeggiata serale). Quale impatto ha una proposta “diversa” ed arricchita da tutto il mondo di sapori e sensazioni che può offrire il vino?

Prestando attenzione al prodotto possiamo far capire fin da subito al cliente quanto sia per noi importante la materia prima. Un soggiorno qualitativamente importante richiede un turista più attento, molte volte questo turista si vuole più bene della media, ed è quello che cerchiamo.

All’esterno del nostro ingresso, tutti i giorni, viene posta una lavagna con dei vini in degustazione e questa attira molta attenzione da parte del turista che passeggia lungo la via. Chi è ospite ha l’orgoglio di dire sotto l’ombrellone ” sai io alloggio lì” mentre chi ancora non ci conosce è subito attratto dall’iniziativa.

Dal punto di vista delle attività marketing e commerciali come cambia la percezione della vostra struttura agli occhi dei clienti? Come viene percepita questa “declinazione” sul vino, come un valore aggiunto o come qualcosa di poco interessante rispetto al loro obiettivo di vacanza al mare?

Tutti abbiamo le nostre aspettative quando viaggiamo, molte in base anche ad esperienze passate. La nostra enoteca interna desta curiosità, è un piccolo tarlo che rimane impresso al cliente come dire “però quell’hotel ha quella cosa figa del vino”

Non proponiamo l’offerta All inclusive perché il cliente può consultare sempre la nostra carta dei vini e già da casa farsi un’idea di vacanza culinaria.
Quanto è determinante il ruolo delle persone per far arrivare ai clienti questo tipo di scelta di business? Vi costringe a cambiare il vostro modo di lavorare? In meglio o in peggio?
Il fattore umano è fondamentale in tutti i settori, indipendentemente da quello del vino. Una massaggiatrice in spa che non propone un massaggio avrà scarsi risultati di occupazione cabina, un collaboratore che non propone un aperitivo o un determinato vino a cena avrà lo stesso risultato.
Puntiamo tanto sulla formazione e crediamo che dare l’esempio sia sempre la soluzione migliore. Confronto, visite ed assaggi sono a disposizione di tutto lo staff, chi non fa domande si trova nel posto sbagliato.
E allora in bocca al lupo ragazzi, siamo felicissimi di essere al vostro fianco in questa “buonissima” sfida.
Se siete curiosi di saperne di più, questo è il sito di Hotel Estense: https://www.albergoestense.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi ricevere il "Giornale del marketing turistico" ?

Aggiornamenti periodici sulle principali novità del marketing turistico: news, eventi, case history, strumenti, persone e molto molto altro... Non ti preoccupare per lo spam...riceverai massimo 2 mail al mese. Per ringraziarti della tua adesione potrai scaricare subito le prime 30 pagine del mio libro!

Le informazioni inserite non saranno cedute a terze parti